Che confusione!

Come possono i produttori di soft drink affrontare la complessità delle ricette?  

Le ricette stanno diventando più complesse e il numero di unità di stoccaggio utilizzate è in aumento nel settore dei soft drink. Un miscelatore deve essere in grado di gestire questa complessità senza complicare la situazione.

Soft drink in bicchieri

Dieci anni fa, la ricetta per il soft drink medio era abbastanza semplice: acqua gassata, zucchero, coloranti, aromi e stabilizzanti. A quei tempi, un produttore poteva avere lunghi cicli di produzione che prevedevano l'alimentazione degli stessi ingredienti per un'intera settimana o anche un mese prima di passare a una nuova ricetta. Ora la situazione è diversa poiché il mercato dei soft drink è diventato più diversificato non solo con bibite gassate ma anche bevande senza gas, tè freddo, caffè ready-to-drink, bevande energetiche, bevande funzionali, kombucha, ecc. Oggi, il produttore di soft drink potrebbe dover cambiare le ricette più volte al giorno con brevi cicli di produzione.  Quindi, quali sono le più grandi sfide di oggi e quali sono gli aspetti a cui prestare maggiore attenzione?

La sfida legata alle gomme

Le gomme meritano una menzione speciale. Ciò che conferisce ai soft drink maggiore gusto e stabilità sono le gomme come le pectine, la CMC, la gomma xantana e la gomma di guar. La loro concentrazione abituale nel prodotto finale è pari a 0,2-0,4%, quindi è necessaria solo una piccola quantità per avere un grande effetto sul gusto. Tuttavia, queste gomme in polvere sono difficili da aggiungere a una ricetta perché resistono all'inumidimento. La sfida è evitare la formazione degli "occhi di pesce" - globuli di gomma con polvere non disciolta all'interno. La risposta a questo problema potrebbe essere quella di investire in una costosa pompa in linea a elevata forza di taglio o in un miscelatore a elevata forza di taglio. Tuttavia, sono disponibili soluzioni di miscelazione più intelligenti come i miscelatori a getto radiale dotati di dispositivi che creano una zona a elevata forza di taglio a un costo molto inferiore per queste basse concentrazioni di gomme.

Vantaggi di un ciclo

L'aggiunta di polveri sfuse in un lotto rappresenta un'altra applicazione impegnativa. A volte vengono utilizzate le tramogge per scaricare le polveri in un nastro trasportatore pneumatico o in un convogliatore a vite collegato a un miscelatore. In alternativa, se un produttore opta per un ciclo di ricircolo, può alimentare gli ingredienti in un miscelatore da più punti di dosaggio mediante trasporto idraulico. A differenza dei sistemi convenzionali per la miscelazione in lotti, non è necessaria una linea di trasporto separata per ciascun ingrediente in polvere sfuso.

Il trasporto idraulico da più punti di alimentazione può essere utilizzato per scaricare sacchi sfusi o tramogge di alimentazione direttamente nello stesso ciclo di ricircolo tramite un iniettore. I punti di alimentazione posizionati lungo l'estensione del ciclo possono essere adattati al layout dell'impianto di un produttore per ridurre al minimo i requisiti ATEX.

La contaminazione incrociata e i problemi microbiologici che potrebbero sorgere nell'interazione tra le linee dedicate agli ingredienti umidi e quelle dedicate agli ingredienti secchi vengono evitati con il concetto del ciclo perché il ciclo completo è completamente pulibile. Pertanto, non è necessario separare le linee di scarico degli ingredienti secchi e di quelli umidi. Al contrario, le soluzioni convenzionali basate su nastri trasportatori pneumatici o su convogliatori a vite non offrono alcuna possibilità di pulizia approfondita mediante CIP.

Lance per ingredienti liquidi e secchi

Un tipico produttore di soft drink non si limita a gestire un'ampia varietà di ingredienti, ma anche diversi formati in cui sono confezionati gli ingredienti come taniche, fusti, sacchi e sacchi sfusi. Come puoi scaricarli tutti in modo efficiente in una fase di pre-miscelazione senza investire nell'acquisto di molte attrezzature diverse?

Gli ingredienti possono essere suddivisi in polveri e liquidi. Per fornire la flessibilità necessaria per abbinare gli ingredienti e le specifiche di confezionamento di un produttore, un miscelatore deve essere dotato di una serie di lance per l'aspirazione degli ingredienti umidi o secchi. I diversi tipi di lance utilizzano il vuoto per creare l'aspirazione e devono idealmente avere una valvola di aspirazione di non ritorno. Le dimensioni delle lance per ingredienti liquidi grandi e piccole possono gestire rispettivamente ingredienti ad alta e bassa viscosità. Per quanto riguarda le polveri secche a flusso libero, una lancia per polveri è la soluzione adatta.

Con una lancia, non è necessario ribaltare o sollevare i fusti o i sacchetti dato che possono essere scaricati rimanendo in piedi sul pavimento o su un pallet.

Necessità di flessibilità

Un tipo base di miscelatore in lotti funziona quando si gestiscono alcune ricette standard con pochi ingredienti. Ma oggigiorno la maggior parte dei produttori di soft drink necessita di un miscelatore in lotti che offra loro la flessibilità per gestire non solo più ingredienti ma anche più formati di confezionamento. Un produttore potrebbe gestire qualunque formato, da taniche da 5 kg a sacchi sfusi da una tonnellata. Una maggiore complessità genera la necessità di una maggiore flessibilità. Ovviamente, le lance per ingredienti liquidi e secchi faranno molta strada, ma l'alimentazione di ingredienti sia umidi che secchi direttamente in un ciclo di ricircolo collegato al miscelatore rappresenta una soluzione innovativa per gestire la complessità delle ricette in modo più efficiente.