2020-06-17

La grande stretta: l'industria dei succhi, dei nettari e delle bevande si confronta ancora con un mondo che cambia

Già affetti da una riduzione della richiesta dei consumatori nei mercati chiave a causa dei trend legati alla salute, molti produttori di succhi, nettari e bevande oggi si trovano ad affrontare la diminuzione delle risorse idriche e il cambiamento climatico. Studiamo le tendenze, le sfide e le opportunità in materia di salute, sostenibilità, ambiente e domanda dei consumatori che deve affrontare oggi l'industria delle bevande.

I cambiamenti climatici, la scarsità d'acqua e la salute dei consumatori sono tra le sfide

"Il succo di frutta fa male come le bevande gassate". "Togliere un bicchiere di succo al giorno riduce drasticamente il rischio di diabete". "Succhi di frutta collegati al cancro". I titoli negativi hanno colpito i produttori di succhi e nettari quasi settimanalmente nell'ultimo decennio - e i consumatori lo hanno notato.

Mentre il consumo di succo dovrebbe continuare a crescere in Cina di oltre il 4% a breve termine1, le cifre pubblicate durante l'estate 2019 dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti hanno dimostrato che l'americano medio stava bevendo circa la metà rispetto a quando l'industria ha raggiunto il suo picco negli Stati Uniti alla fine degli anni '902. Anche il consumo di succo nell'Europa occidentale sembra non aumentare troppo, con una crescita solo dell'1% circa nel 20193.​

"È un grosso problema. Il consumo ha subito un declino decennale negli Stati Uniti e in Europa, probabilmente a causa della questione dello zucchero. Quindi, come viene affrontato questo problema dall'industria?", chiede John Collins, direttore esecutivo dell'International Fruit & Vegetable Juice Association.

L'industria delle bibite analcoliche ha affrontato lo stesso problema per decenni, secondo Nicholas Hodac, Direttore Generale dell'UNESDA, che rappresenta l'industria in Europa. "Non è qualcosa che è iniziato solo pochi anni fa; la riduzione dello zucchero potrebbe essere fatta risalire agli anni '70", afferma.

Allo stesso tempo, i produttori di bevande si trovano ad affrontare una pressione a causa del cambiamento climatico, che sta colpendo i coltivatori di frutta e ponendo nuove richieste all'industria per aumentare la sostenibilità dell'approvvigionamento, dell'energia e dell'uso dell'acqua nella produzione, nell'imballaggio e nel trasporto.

Crescita attraverso l'innovazione

Gaurav Dutt, Global Business Insights e Analytics Manager di Tetra Pak, ritiene che i produttori di succhi di frutta siano già sulla buona strada per trovare una risposta al problema della crescita. "Nei prossimi tre anni, prevediamo che vedremo una crescita proveniente da una prospettiva complessiva, con un tasso di crescita annuo composto, diciamo, dall'1% al 2% a livello globale", afferma.

I mercati in Asia e nel Sud-est asiatico, dove i consumi non sono mai diminuiti, continueranno a espandersi. La crescita nel frattempo tornerà in alcune parti dell'Europa e delle Americhe, mentre l'industria lancia prodotti innovativi.

"I produttori hanno reagito rapidamente", spiega Dutt. "Hanno capito che dovevano sviluppare soluzioni per tenere conto di questa tendenza e quello che stanno facendo è spostarsi verso quelli che chiamiamo "succhi a valore aggiunto".

Questi includono succhi arricchiti con i cosiddetti "superfrutti", succhi mescolati con cereali o proteine per soddisfare la tendenza di sostituzione del pasto, prodotti "clean label" con il minor numero possibile di ingredienti e succo di frutta a ridotto contenuto di zuccheri.

Ciò segue lo spostamento nelle industrie di bevande ferme e bibite verso prodotti a basso contenuto calorico e senza calorie, con la categoria che attualmente rappresenta una media del 24 percento delle vendite in Europa e oltre il 40 percento in alcuni mercati.

Il succo di verdura contiene circa un quarto dello zucchero presente nel succo di arancia, quindi la sua miscelazione con altri succhi può ridurre il contenuto complessivo di zucchero. "Vediamo una tendenza secondo cui succhi di verdura diventano più popolari e si allontanano da sapori singoli, per andare verso miscele", afferma Collins.

I produttori di bevande stanno inoltre anche riformulando le loro ricette per ridurre il contenuto di zucchero. Si sono mossi allo stesso tempo per ridurre le dimensioni delle porzioni e lanciare una gamma di nuovi prodotti per la salute come tè freddi e acque aromatizzate, afferma Hodac.

Cambiamenti climatici e sfide idriche

I cambiamenti climatici stanno influenzando sempre più l'industria dei succhi e dei nettari, con gli uragani che colpiscono le aree di coltivazione delle arance in Florida e nei Caraibi, mentre i coltivatori dell'America centrale e meridionale, della California e di altri paesi sono colpiti dalla siccità. Dutt afferma che il cambiamento climatico ha colpito anche gli agricoltori nel suo paese d'origine, l'India.

"Vengo dalla cintura agricola dell'India e gli agricoltori non sono contenti, perché piove quando non dovrebbe e c'è siccità quando dovrebbe piovere".

Collins afferma che anche i grandi coltivatori stavano diventando sempre più consapevoli della loro impronta idrica. "Adotteranno misure per essere più attenti al loro utilizzo dell'acqua, impiegando fonti d'acqua naturali e usando tecnologie di irrigazione intelligente".

L'acqua è un ingrediente chiave per l'industria delle bevande non gassate e rappresenta circa il 90% della composizione di una bevanda. Hodac afferma che l'efficienza idrica, la riduzione, la conservazione e la protezione sono state al centro dell'attenzione per oltre 20 anni con progetti di alto profilo come la bonifica del Danubio. "Le operazioni di produzione mirano a ottimizzare l'uso dell'acqua e a trattare le acque reflue in modo appropriato. Molte delle nostre aziende associate stanno cambiando in modo significativo la percentuale di acqua che usano - alcuni raggiungono fino al 100% nel 2018. Acque reflue da processi di produzione come raffreddamento e risciacquo vengono riutilizzate internamente per pulire camion e pavimenti."

Crescenti richieste di sostenibilità

Con alcuni paesi che iniziano ora a prendere misure più decisive per combattere i cambiamenti climatici, la pressione aumenterà per i produttori, che dovranno ridurre il loro uso di energia e acqua, utilizzare imballaggi più sostenibili e ridurre l'energia utilizzata nel trasporto.

La prima di questi - la riduzione di energia e acqua - può essere ottenuta investendo in nuove tecniche di lavorazione.

Dutt prevede che i produttori di succhi, nettari e bevande dovranno affrontare una regolamentazione sempre più severa che li costringerà a ridurre l'utilizzo di energia o pagare multe pesanti. E si aspetta una pressione da parte dei consumatori, ora focalizzati principalmente sul confezionamento e sulla crescita, per iniziare a sostenere anche l'uso di energia e acqua nella produzione.

"Se, come produttore, non stai facendo qualcosa al riguardo, non mostri che fai qualcosa al riguardo, non sarai ben visto dai consumatori. E ciò può avere un impatto significativo sul modo in cui sei in grado di operare sui mercati in futuro."

Con la maggior parte della frutta prodotta ai tropici, lontano dai più grandi mercati, l'industria farà fatica a ridurre i trasporti che utilizza. Ma l'impatto delle cosiddette miglia alimentari sull'impronta ambientale totale della frutta è inferiore a quanto molti credano, con frutta e verdura coltivate in serra in Europa e qui consumate spesso con un'impronta maggiore rispetto alla frutta coltivata ai tropici e importata via mare.

Hodac afferma che i membri della sua organizzazione sono focalizzati sulla promozione dell'efficienza energetica, sulla conservazione e sulla riduzione, ove possibile. "Le emissioni di CO2 sono state dimezzate in molti impianti di produzione e imbottigliamento negli ultimi dieci anni attraverso l'uso di nuove tecnologie ad alta efficienza energetica negli impianti, nonché sistemi di raffreddamento e distribuzione".

Eroi locali

La preferenza per i prodotti locali si sta diffondendo dall'Europa e dagli Stati Uniti ad altri mercati, e non solo per ragioni ambientali. I consumatori indiani, ad esempio, ora vogliono ingredienti locali come la curcuma e il frutto di kokum nelle loro miscele di succo.

I produttori di succhi di frutta sono anche sotto pressione per garantire che i frutti che usano siano di origine etica. Tredici dei maggiori produttori, miscelatori e imbottigliatori di succhi al mondo si sono impegnati a utilizzare solo il 100% di succo di provenienza sostenibile entro il 2030, nell'ambito della Sustainable Juice Initiative sviluppata da IDH, una ONG del commercio sostenibile.

Hodac afferma di vedere una tendenza simile tra i produttori di bevande non gassate. "Non si tratta di offrire solo sapori locali, ma i prodotti devono raggiungere anche determinati requisiti di sostenibilità. C'è stata una grande tendenza verso alimenti biologici e organici ed è qualcosa a cui si assiste anche nel settore delle bevande non gassate".

Dutt dice che si aspetta che questa domanda si intensifichi nel prossimo decennio."Penso che le due grandi tendenze alla base di questo spostamento dell'industria dei succhi siano la salute, qualcosa che ha a che fare con lo zucchero e, in secondo luogo, la sostenibilità e la tracciabilità richieste dai consumatori".

Se i produttori di bevande continuano a essere creativi come lo sono oggi, quei titoli negativi dovrebbero iniziare a svanire.

Ti interessano le sfide e le opportunità di sostenibilità del settore dei succhi, nettari e bevande naturali? Ascolta i nostri nuovi podcast: Juicecast!

Alcune figure chiave: 

Nel 2017 gli americani hanno consumato solo 20 litri di succo all'anno4. Questo è il valore più basso degli ultimi 50 anni.

Il segmento delle bevande non gassate ha superato quello dei succhi, con una crescita annua composta dei ricavi che dovrebbe raggiungere il 5% in tutto il mondo tra il 2020 e il 20235. La crescita annuale dell'8% in Cina compensa una crescita più debole dell'1,7% e del 2,6% negli Stati Uniti e in Europa.

La produzione di succhi richiede molta acqua. Secondo lo US Geological Survey, sono necessari 50 litri di acqua per far crescere una sola arancia, ma 200 litri per produrre un solo bicchiere di succo d'arancia6.

Nota dell'editore: queste previsioni sono state fatte prima della crisi del coronavirus e non tengono conto dei possibili effetti economici a lungo termine della pandemia.

Riferimenti:

1. https://www.statista.com/outlook/20030000/117/juices/china Citazione: gennaio 2020

 2. https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2019-09-27/american-shoppers-spurn-orange-juice-for-for-fresh-fruit Citazione: gennaio 2020​

 3. https://www.statista.com/outlook/20030000/102/juices/europe Citazione: gennaio 2020

​ 4. https://www.statista.com/statistics/257149/per-capita-consumption-of-fruit-juices-in-the-us/ Citazione: gennaio 2020

5. https://www.statista.com/outlook/20020200/100/non-carbonated-soft-drinks/worldwide Citazione: gennaio 2020

6. ​https://water.usgs.gov/edu/activity-watercontent.php Citazione: gennaio 2020