​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​02 | Ambiente e salute stanno convergendo

Dopo l'ambiente, la salute è la principale preoccupazione globale per i consumatori (al 46%). Queste due preoccupazioni più urgenti sono state storicamente trattate come aree separate. Ma man mano che le questioni ambientali diventano più evidenti nella vita quotidiana, le preoccupazioni dei consumatori per l'impatto diretto sulla salute crescono.

In effetti, il 59% di tutti i consumatori pensa già che la loro salute e il loro benessere siano fortemente influenzati da problemi ambientali. E quando guardiamo alle preoccupazioni più preoccupanti per l'ambiente e la salute, vediamo gli stessi fattori: inquinamento atmosferico e oceanico, microplastiche e scarsa acqua potabile.​

Grafico: I problemi più preoccupanti

I consumatori vedono anche una correlazione tra salute e ambiente nei prodotti che acquistano. Quasi la metà (47%) pensa che le scelte di acquisto che fanno per la propria salute avranno un impatto sull'ambiente. E alcuni vedono anche un collegamento inverso: Il 37% dei consumatori che prevede di acquistare prodotti più eco-compatibili afferma che avrà un impatto positivo sulla propria salute fisica e il 18% ritiene che migliorerà anche la propria salute mentale.

Più preoccupati per l'ambiente diventano i consumatori, più sono attenti alla salute. Tra coloro che sono più preoccupati per l'ambiente, ben i due terzi ritengono che la loro salute e il loro benessere siano fortemente influenzati da problemi ambientali (7% sopra la media).

Questo gruppo è anche fortemente convinto che la salute fisica e mentale sia tra le principali preoccupazioni per la società e questi consumatori sono probabilmente disposti a sacrificare la comodità e a pagare di più per prodotti salutari. Inoltre, nelle nostre interviste, molti riportano anche esperienze personali di problemi di salute causati da problemi ambientali e/o stili di vita moderni.

Mentre l'intersezione tra salute personale e salute del pianeta è in aumento a livello globale, il livello di maturità varia da paese a paese. Tuttavia, come mostrano i rapporti della nostra rete di insight culturali, un fattore trainante per un cambiamento positivo quasi ovunque è la giovinezza.

I giovani vogliono e si aspettano di essere più sani e di vivere più a lungo dei loro genitori. Inoltre, il loro uso dei social media, la loro esperienza di cambiamento climatico e la visibilità globale dei giovani attivisti li spingono ad agire in modo più responsabile nei confronti dell'ambiente.

Infografica: 2 consumatori su 3 credono che ci stiamo dirigendo verso un disastro ambientale

Preoccupazioni dei consumatori legate al cibo​

Nelle nostre interviste con i consumatori, i comportamenti e le abitudini relative al cibo - approvvigionamento, produzione, preparazione e confezionamento e consumo - sono spesso citati come aventi un impatto negativo sia sull'ambiente che sulla salute. Esempi citati di problemi di salute includono allergie ai bambini, ADD e obesità, che alcuni credono siano causati da fattori ambientali come alimenti e pesticidi geneticamente modificati, zucchero in eccesso, additivi artificiali e così via.

La salute è principalmente ciò che cambia le abitudini di consumo, spingendo i consumatori a scegliere prodotti biologici, prodotti localmente e meno trasformati, con meno zucchero e liste di ingredienti più brevi.

In particolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito, alcuni consumatori ritengono che la carne e i latticini abbiano un impatto negativo sull'ambiente e il loro consumo è quindi diminuito, con la soia più frequentemente citata come sostituto (anche se i bambini bevono ancora latticini). Pochissimi menzionano l'avena come migliore per l'ambiente della soia, suggerendo che il relativo impatto ambientale dei latte a base vegetale non è ampiamente compreso.

Tuttavia, sostituire i prodotti lattiero-caseari sembra essere un lusso per gli adulti occidentali. Non è visto come una preoccupazione per i consumatori brasiliani, indonesiani e sauditi, ad esempio, dove i latticini sono considerati più una necessità per una dieta sana.​​

Yogurt in una ciotola

Case study: ​Yogurt "clean label"

C'è una forte spinta nel settore lattiero-caseario globale verso più prodotti premium e a valore aggiunto. Lo yogurt è un buon esempio. Sta registrando un'eccellente crescita in molti mercati, in particolare la Cina, e di conseguenza i marchi si stanno adoperando per introdurre gamme più ampie, comprese le varietà che soddisfano la crescente domanda di prodotti "clean label" più naturali e privi di additivi. Tuttavia, questa può essere una sfida tecnica.

Lo yog​urt è un prodotto speciale e abbastanza sensibile. Mentre può essere molto naturale, costituito solo da una coltura batterica di avviamento aggiunta al latte, negli anni i marchi hanno aggiunto una varietà di ingredienti per controllarne la stabilità, la viscosità, la consistenza, il sapore e la sensazione in bocca, e così via.

Per creare yogurt "clean label", le proprietà e gli effetti di ogni ingrediente e ogni fase di lavorazione devono essere bilanciati al fine di ottenere un risultato coerente che soddisfi le esigenze dei consumatori. In generale, più la lavorazione è sensibile e controllata, meno sono necessari gli additivi e più naturale sarà il prodotto finale. Per indicazioni su come raggiungere questo obiettivo, Tetra Pak ha prodotto un white paper chiamato Lo yogurt "clean label": Ideare alternative agli additivi.

Scoprite di più e registratevi per scaricare il white paper: Presentazione dello yogurt "clean label"​

Leggete la prossima sezione: La responsabilità individuale è in aumento​