Tetra Pak a Marca 2020: il valore del packaging sostenibile per la gdo

Save_The_Date.jpg 

Bologna, 13 gennaio 2020 – Tetra Pak parteciperà alla prossima edizione di Marca con uno stand (Pad. 30 - Stand B64) dedicato alla sostenibilità delle confezioni per alimenti e bevande. La presenza dell’azienda leader del packaging all’appuntamento fieristico dedicato alla private label sarà incentrata sul valore ambientale e innovativo del settore che vedrà sempre più protagonisti materiali di origine vegetale, provenienti da filiere tracciabili certificate e interamente riciclabili. Un valore da sempre al centro dell’impegno di Tetra Pak che ha già messo in campo importanti azioni proprio sul versante ambientale e dell’economia circolare a basse emissioni di carbonio. Dagli investimenti per lo sviluppo di cannucce di carta che sostituiranno quelle di plastica da combustibili fossili al supporto della Ellen MacArthur Foundation New Plastics Economy, alla produzione responsabile di polimeri a base vegetale secondo gli standard Bonsucro per la canna da zucchero sostenibile. Sul versante del riciclo, sono state già attivate numerose partnership con altre aziende al fine di espandere la collaborazione e accelerare il recupero globale di cartoni per bevande. Dal 2012 Tetra Pak ha investito 20 milioni di euro per sostenere le infrastrutture di raccolta e riciclo e ha creato 45 nuove posizioni all'interno dell'azienda per supportare queste attività in tutto il mondo.

Mercoledì 15 gennaio (SANA UP, Sala Convegni (pad. 28 - Padiglione Satellite, ore 15) il presidente di Tetra Pak Italia Francesco Faella interverrà alla tavola rotonda “Il ruolo del packaging per la sostenibilità ambientale nella GDO” con un focus dedicato all’evoluzione del settore tra vincoli impatto ambientale, riciclo e fonti rinnovabili: “È importante discutere in questa sede del contributo che il packaging può dare all’industria alimentare e alla distribuzione - sottolinea Francesco Faella. Per Tetra Pak, infatti, promuovere l'eccellenza in tema di sostenibilità è una priorità strategica non solo per quanto riguarda la propria attività, ma per l'intera catena di valore. L’obiettivo è quello di dare un contributo concreto all'economia circolare, grazie a confezioni in grado di rispondere alle esigenze di clienti e consumatori sempre più consapevoli e attenti alle istanze ambientali e alla sicurezza alimentare”.

Alla tavola rotonda, moderata da Armando Garosci di Largo Consumo, interverranno: Silvia Zucconi – Nomisma, Alessandro Manzardo - Spinlife Università Padova, Stanislao Fabbrino, Presidente e AD Fruttagel, Luciano Villani, responsabile Imballi Coop Italia.