LETTERA DEL CEO

"Con una solida base di sostenibilità e audaci ambizioni di guidare la trasformazione della sostenibilità, continueremo a essere pionieri di un futuro sostenibile che protegga ciò che è buono: Cibo, persone, pianeta", afferma Adolfo Orive nella sua introduzione al nostro Bilancio di Sostenibilità 2021.
Adolfo Orive

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​Innovare per una trasformazione sostenibile​

Nel 2020, al mondo è stata presentata l'enorme sfida di come rispondere a COVID-19 mentre la malattia si diffondeva in tutto il mondo. L'azione globale ha compreso l'innovazione basata sulla scienza a molti livelli, da una reazione politica energica a nuovi modi di organizzare i processi aziendali, fino alla modifica della nostra routine quotidiana per mantenere noi e le nostre famiglie al sicuro e proteggere il nostro benessere mentale. Dimostrando chiaramente come il pianeta, la società e l'economia non possano sopravvivere in isolamento, la pandemia ha avuto un profondo impatto sulle nostre operazioni. L'urgenza ha creato opportunità per accelerare l'innovazione, aiutando noi ei nostri clienti a contenere lo shock per il sistema alimentare. Ha anche rafforzato il nostro scopo come azienda: ci impegniamo a rendere gli alimenti sicuri e disponibili ovunque. E promettiamo di proteggere ciò che è buono: proteggere gli alimenti, le persone e il pianeta.

Durante la crisi in corso, ci siamo concentrati sulle priorità fondamentali: proteggere le persone, i nostri dipendenti e quelli dei nostri clienti e altri stakeholder interessati; e proteggere il cibo, aiutando i nostri produttori a mantenere rifornimenti alimentari continui e ampliando ulteriormente l'accesso al cibo sicuro, nutriente e gustoso. Solo nel 2020 sono stati venduti oltre 77 miliardi di litri di prodotti in confezioni Tetra Pak. 

La pandemia ci ha ricordato la necessità di resilienza nei nostri sistemi alimentari, inclusa la fornitura di accesso al cibo di fronte a un aumento globale della fame. Le nostre soluzioni per il confezionamento si sono rivelate fondamentali per affrontare questi problemi, così come le nostre capacità di elaborazione e servizi. Ad esempio, abbiamo ampliato le nostre iniziative Dairy Hub anche in Albania e Senegal per fornire supporto a 39.806 agricoltori, di cui il 98% erano piccoli agricoltori. Inoltre, il nostro portafoglio di lavorazione è stato ottimizzato per prevenire gli sprechi alimentari e abbiamo lanciato la nostra prima linea di lavorazione completa per il formaggio bianco.

Anche l'innovazione nella nutrizione è stata fondamentale. Abbiamo lavorato con un cliente in Asia per sviluppare un'intera soluzione di trattamento alimentare della soia in grado di catturare l'okara indesiderato, la polpa rimanente dei semi di soia, e incorporare ciò che sarebbe stato sprecato in bevande a base di latte di soia di alta qualità e ad alto contenuto di fibre. Abbiamo utilizzato nuove tecnologie e servizi digitali per prolungare la durata di conservazione dei prodotti e ridurre gli sprechi. Oltre a unire le forze con i nostri clienti per garantire la continuità dell'approvvigionamento alimentare durante la crisi, abbiamo anche rafforzato le nostre partnership per aiutare 64 milioni di bambini a ricevere latte o bevande nutrienti nelle scuole nonostante la pandemia.

Allo stesso tempo, nell'ultimo anno abbiamo continuato a fare progressi nel modo in cui proteggiamo il pianeta, promuovendo lo sviluppo del pacchetto alimentare più sostenibile al mondo: un cartone realizzato esclusivamente con materiali rinnovabili o riciclati di provenienza responsabile, è completamente riciclabile e a zero emissioni di carbonio.

Nel 2020 abbiamo anche aumentato in modo significativo sia gli investimenti che le collaborazioni a tutti i livelli per realizzare questo obiettivo e più partnership significano soluzioni più rapide. Facendo tesoro delle lezioni dell'azione collettiva, stiamo adottando un approccio al ciclo di vita completo. Questo significa quattro aree chiare di innovazione collaborativa: Massimizzare l'uso di materiali rinnovabili e reperirli in modo responsabile in modo da proteggere la biodiversità; riducendo al minimo l'impatto sul carbonio delle nostre operazioni e l'impatto creato dalla nostra catena del valore; consentire un maggiore accesso al cibo sicuro, contribuendo nel contempo alla riduzione degli sprechi alimentari; e guidando un'agenda attiva per sviluppare catene di valore del riciclaggio sostenibili.

Materiali rinnovabili e decarbonizzanti 

Dare vita al pacchetto alimentare più sostenibile al mondo richiede diverse scoperte e siamo lieti di vedere che, nonostante i requisiti impegnativi, abbiamo compiuto progressi significativi nella nostra tabella di marcia per la decarbonizzazione. Siamo stati i primi al mondo a introdurre una confezione interamente realizzata con materiali rinnovabili di origine vegetale e nel 2020 abbiamo venduto oltre 1 miliardo di queste confezioni di cartone. Abbiamo anche prodotto più di 12 miliardi dei nostri tappi pionieristici realizzati con polimeri a base vegetale da quando li abbiamo introdotti nell'industria degli alimenti liquidi nel 2011, risparmiando più di 300.000 tonnellate di emissioni CO2 nel processo. Il nostro nuovo portafoglio di cappucci sarà reso disponibile anche come opzione a base vegetale, aumentando così il contenuto rinnovabile della confezione e riducendo al minimo i rifiuti.

La nostra soluzione per il confezionamento non in alluminio di prima generazione è ora sullo scaffale del supermercato. Lo strato protettivo di alluminio è stato sostituito da un film polimerico più ecologico, riducendo l'impronta di carbonio di quasi 25%. Le tecnologie di produzione e lavorazione che consentono ciò apriranno la strada a sviluppi futuri con un contenuto di fibre e rinnovabili notevolmente aumentato. 

Un altro fattore chiave nella protezione del nostro mondo interconnesso è la protezione della biodiversità. Lo facciamo garantendo un approvvigionamento responsabile dei materiali. Nel 2007, abbiamo introdotto il sistema di certificazione FSC™ (Forest Stewardship Council™) per l'industria del cartone per alimenti liquidi. Nel 2020, abbiamo ottenuto la possibilità di fornire ai nostri clienti il 100% del nostro materiale di confezionamento finito certificato come FSC™. Questo rafforza ulteriormente i nostri standard di certificazione volontaria, che include Bonsucro, la prima certificazione del settore dei polimeri a base vegetale completamente tracciabili. 

L'approvvigionamento responsabile deve andare di pari passo con un reporting trasparente e scientifico, per il quale lavoriamo con le principali piattaforme di valutazione della sostenibilità, come EcoVadis e CDP. Nel 2020, siamo diventati l'unica azienda nel settore del confezionamento in cartone a essere inclusa nella leadership band di CDP per cinque anni consecutivi e a ottenere un'eccezionale doppia "A" per clima e foreste nel 2020.

Decarbonizzare la catena del valore 

Parallelamente allo sviluppo del nostro portafoglio di confezionamento, stiamo riducendo al minimo le emissioni lungo la nostra catena del valore, dall'approvvigionamento delle materie prime fino alla fine del ciclo di vita dei confezionamenti. Abbiamo raggiunto con successo il nostro obiettivo climatico per il 2020, superando l'ambizione di limitare le nostre emissioni ai livelli del 2010 nonostante la crescita del business: abbiamo infatti ridotto le emissioni totali del 19%.

Ora stiamo lavorando per un obiettivo ancora più ambizioso: raggiungere zero emissioni nette di gas a effetto serra (GHG) nelle nostre operazioni entro il 2030, con l'ambizione di raggiungere zero emissioni nette in tutta la catena del valore entro il 2050. Riteniamo inoltre che non sia sufficiente guidare azioni senza una misurazione chiara. Proprio come i dati ci hanno aiutato a rispondere efficacemente al COVID-19, dobbiamo usare la scienza per aiutarci ad affrontare i problemi di sostenibilità. In qualità di prima azienda nel settore dell'imballaggio alimentare ad avere i nostri obiettivi di riduzione dell'impatto climatico approvati dall'iniziativa Science Based Targets (SBTi) nel 2017, abbiamo anche fissato obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2030 in linea con 1,5°C negli ambiti 1, 2 e 3. Questo è ciò che l'ultima scienza del clima ci ha detto che è necessario per prevenire gli effetti più dannosi del cambiamento climatico.

Ampliare l'accesso al cibo sicuro riducendo gli sprechi alimentari 

La pandemia ha rivelato quanto possa essere vulnerabile il nostro sistema alimentare globale. L'importanza di portare il cibo dove è necessario, quando è necessario, e il ruolo vitale svolto dal confezionamento e dal trattamento ad alte prestazioni nel raggiungere questo obiettivo, non è mai stato così evidente. E prevediamo che questo non farà che aumentare in futuro, mentre ci sforziamo di garantire che la crescente popolazione mondiale abbia accesso a cibo sicuro e nutriente.

Mentre la consapevolezza dell'emergenza climatica è aumentata vertiginosamente negli ultimi anni, molti ancora non riescono a capire come la protezione dell'ambiente e l'ampliamento dell'accesso al cibo sicuro siano strettamente intrecciati come priorità. Dobbiamo semplicemente affrontarli insieme. Il sistema globale della catena di approvvigionamento alimentare è responsabile di quasi un terzo delle emissioni globali di GHG1. Inoltre, circa un terzo di tutto il cibo prodotto viene perso o sprecato2, che comporta anche un'impronta di carbonio significativa: l'8% delle emissioni globali di GHG3. In altre parole, se lo spreco alimentare fosse un paese, sarebbe il terzo più grande produttore di emissioni al mondo. Combattere lo spreco alimentare con le nostre soluzioni di elaborazione e servizi è quindi una parte fondamentale per affrontare la crisi climatica. Attraverso il nostro lavoro con i clienti nella fabbrica Zero Waste, stiamo innovando per affrontare i rifiuti nel punto di produzione. Tuttavia, è necessaria un'azione urgente da tutte le parti dell'industria, del governo e della società per affrontare la dicotomia tra la necessità di un maggiore consumo di cibo e l'impatto sulle risorse naturali, sia in termini di rifiuti di imballaggio che di rifiuti alimentari.

Accelerare il riciclo e la circolarità 

La collaborazione e la partnership sono particolarmente essenziali per il riciclo, che è uno dei fattori chiave di un'economia circolare a basse emissioni di carbonio. Abbiamo lavorato per sviluppare infrastrutture di raccolta e riciclo in tutto il mondo per molti anni. Questo lavoro pionieristico ha giocato un ruolo fondamentale nell'aumentare il numero di strutture che riciclano le confezioni di cartone in tutto il mondo, e oggi possiamo contare su oltre 170 operazioni di riciclo. Il numero delle nostre confezioni di cartone raccolte per il riciclo è aumentato da 32 miliardi nel 2010 a 50 miliardi nel 2020. 

Nel 2020, abbiamo continuato a svolgere un ruolo attivo nelle principali iniziative dell'industria della circolarità e del riciclo. Per esempio, siamo un membro orgoglioso del Consumer Goods Forum Plastic Waste Coalition for Action, insieme a 40 dei principali marchi e rivenditori del mondo. Siamo membri di tutti i flussi di lavoro, incluso il design dei confezionamento, gli schemi di responsabilità estesa del produttore (EPR) e il riciclo dei prodotti chimici. Oltre ad aiutare ad espandere le infrastrutture di raccolta e riciclo, abbiamo promosso programmi di sensibilizzazione e creato ulteriori opportunità di mercato per i materiali riciclati. Fa tutto parte della nostra ambizione: un mondo in cui tutti i pacchi vengono raccolti, riciclati e non diventano mai rifiuti. 

Nel 2020, abbiamo lanciato una grande campagna di comunicazione globale chiamata Go nature. Go carton. Promuovendo il dibattito sul confezionamento sostenibile e definendo il nostro approccio in modo più trasparente, si enuncia la nostra convinzione che il confezionamento sostenibile e ad alte prestazioni sia fondamentale per aiutare a mitigare i cambiamenti climatici e affrontare altre preoccupazioni ambientali mentre si nutre una popolazione in crescita.

A tal fine, per la prima volta in assoluto, abbiamo istituito un comitato consultivo esterno per la sostenibilità con sei opinion leader chiave da tutto il mondo. Ci aiuteranno a dare forma alla nostra agenda di sostenibilità e ci guideranno in futuro per assicurarci di affrontare le sfide esterne, imparando e adattandoci in modo da poter continuare a costruire un futuro migliore. Circa 70 anni fa, la nostra tecnologia e le nostre soluzioni hanno cambiato le regole del gioco nel rendere il cibo sicuro e disponibile, ovunque. Ma con l'attuale crisi climatica e le potenziali sfide alla sicurezza degli alimenti, l'industria ha bisogno di un altro cambiamento nella sua evoluzione. Con una solida base di sostenibilità e audaci ambizioni di guidare la trasformazione della sostenibilità, continueremo a essere pionieri di un futuro sostenibile che protegge la bontà: Alimenti, Persone, Pianeta.

Adolfo Orive

Presidente e CEO (Chief Executive Officer) di Tetra Pak


1. http://www.fao.org/news/story/en/item/1379373/icode/
2. http://www.fao.org/3/mb060e/mb060e.pdf
3. ONU FAO, Impronta dello spreco alimentare e cambiamento climatico

ESPLORA

Ragazzi con cartoni Tetra Classic

Proteggere gli alimenti

Scopri come stiamo lavorando con i nostri clienti e partner per rendere il cibo sicuro e disponibile, ovunque.

Futuri talenti di Tetra Pak

Proteggere le persone

Scopri come proteggiamo e ci prendiamo cura dei nostri dipendenti, oltre a supportare le comunità in cui operiamo.

Bambini che giocano

Proteggere il pianeta

Scopri come stiamo proteggendo il futuro del nostro pianeta e garantendo il successo a lungo termine dei nostri clienti.